domenica 31 gennaio 2016

Procida: come si combatte la corruzione



















La corruzione è uno degli argomenti più scottanti della vita politica italiana di questi ultimi anni: il più problematico e complesso che crea grandi problemi nella vita della nazione. Il Papa continuamente invita a combattere questo male che produce molti danni. Abbiamo pertanto gioito nel sapere che il Comune di Procida ha dato inizio ad un iter amministrativo per prevenire e combattere eventuali casi di corruzioni che dovessero presentarsi in futuro. Un iter che prevede momenti formativi per i dipendenti comunali, il coinvolgimento diretto dei capiservizio, procedure di controllo e verifiche periodiche in tutti i settori della vita politica. La proposta sarà portata in Consiglio comunale, discussa e deliberata.

Riportiamo di seguito il testo del comunicato stampa pubblicato sul portale del Comune www.vivereprocida.it: 

"Il Sindaco Raimondo Ambrosino ha individuato nel Segretario generale Livia Letizia il Responsabile dell’anticorruzione e della legalità per applicare misure di prevenzione da fenomeni ed infiltrazioni mafiose nelle materie di appalti e per stanare tutte le situazioni di malfunzionamento della vita amministrativa del Comune di Procida.
Il progetto, in attuazione della Legge 190 del 2012 “Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell’illegalità nella pubblica amministrazione” prevede una serie di interventi  mirati che il Comune si appresta a deliberare nel prossimo Consiglio Comunale.
Sono intanto stati coinvolti tutti i responsabili di sezione ed è stato pubblicato un avviso pubblico al fine di ricevere  proposte e osservazioni da parte della cittadinanza.
I capisezione del Comune dovranno vigilare attentamente su ogni procedura in atto e  ogni tre mesi rendiconteranno al responsabile dell’Anticorruzione lo stato delle cose mettendo in evidenza eventuali rischi.
Sarà anche predisposta un’opera complessiva di formazione e di informazione di tutto il personale in servizio nella casa comunale, affinche nella lotta a meccanismi perversi  ci sia una totale partecipazione di tutti gli uffici.
L’Amministrazione con tale progetto intende applicare gli strumenti di attuazione in conformità del Codice etico.
Nei prossimi comunicati si specificheranno i vari capitoli del piano predisposto, onde informare costantemente  i cittadini.
 ":

giovedì 28 gennaio 2016

BUONA SCUOLA: PROVE INVALSI NO!


Una frase che la dice lunga sulle prove Invalsi è questa: «Ognuno è un genio. Ma se si giudica un pesce dalla sua abilità di arrampicarsi sugli alberi, lui passerà l'intera vita a credersi stupido». Questa frase è di Albert Einstein che soffriva di dislessia e sai... non credo che lui alla scuola Primaria avrebbe superato le prove Invalsi.
Daniela Innocenzi

da Daniela Innocenzi, Buona Scuola, Prove Invalsi no!  www.cittanuova.it

Procida: La proposta di "Cittadinanzattiva"

“Creare nell’isola sinergia  ed impegno per i diritti dell’uomo”
Incontro con Aniello Scotto di Santolo

Aniello Scotto di Santolo, figura di spicco nel panorama politico procidano, già Sindaco negli anni 90  nella prima Giunta di Centrosinistra, è ritornato alla politica attiva nel 2010 partecipando alla tornata elettorale di quell’anno come candidato Sindaco della Coalizione “Insieme per Procida” e sfiorando la vittoria. Nelle ultime elezioni del maggio 2015 egli ha fatto parte del comitato elettorale per la lista civica “La Procida che vorrei” espressione di un movimento cittadino che esprimeva varie realtà locali quali il PD, il movimento “Procida insieme”  e un vasto raggruppamento giovanile che ha portato forza e vitalità all’intera compagine. Tale lista, con il giovane  Raimondo Ambrosino candidato Sindaco vince le elezioni.  Attualmente Aniello, che oggi non siede in Consiglio Comunale, continua il suo impegno sociale tra i cittadini attraverso l’Associazione “Cittadinanzattiva” rivolgendo lo sguardo  al “Tribunale dei malati”. 
Dopo un incontro proprio sulla Sanità svoltosi a Procida il 17 gennaio 2016, gli abbiamo rivolto queste domande:

Quando nasce “Cittadinanza” attiva a Procida?
E’ stata attivata nel mese di aprile del 2015 nel mentre si preparavano le elezioni

Da quali esigenze è nata questa nuova sigla associativa?
Da tempo avevo deciso di non essere più nella politica attiva e mi era anche dimesso da Consigliere di minoranza del gruppo consiliare “Insieme per Procida”, ritornando ad occuparmi dei problemi sociali  dell’isola, convinto che se il cittadino è lontano dai problemi la Politica perde colpi e può deragliare in binari morti, come in parte è accaduto a Procida nel passato. Ma la spinta più forte è venuta da alcune gravi  e nefaste vicissitudini nella Sanità a Procida vissute drammaticamente insieme ad alcuni amici, per cui  abbiamo cercato e trovato in “Cittadinanzattiva”, la struttura associativa idonea all’interlocuzione con tutte le Istituzioni a livello locale, regionale, nazionale ed europeo, in quanto è un’associazione riconosciuta ed accreditata a tutti i livelli.

Di qui la forte  l’esigenza del Tribunale dei diritti del Malato di cui tu sei responsabile?
“Cittadinanzattiva” è strutturata in coordinamenti, ed  a Procida, abbiamo costituito 3 coordinamenti: “Tribunale dei diritti del malato”, “Scuola”, “Procuratore dei cittadini”. La coordinatrice generale dell’Assemblea di Procida è Rosaria Savarese, mentre per i coordinamenti suindicati siamo io per il Tribunale del Malato, Maria Rosaria Lubrano per la Scuola ed Elio Altomare per il Territorio Comunale con tutti i problemi annessi. L’esigenza della costituzione del Tribunale dei diritti del malato è dettata dalle criticità obbiettive esistenti nella Sanità del nostro territorio. Un problema spesso affrontato anche con forti manifestazioni da parte dei cittadini ma mai completamente risolto.

Venerdì 15 gennaio 2015 avete promosso nella sala Consiliare del Comune un’interessante tavola rotonda sul tema  “la Sanità a Procida” alla presenza di  autorità istituzionali, cittadini e  operatori sanitari sull’isola: medici, infermieri, operatori socio-assistenziali, dirigenti sanitari.
La tavola rotonda ha permesso un confronto serio e circostanziato sulla situazione attuale del Sistema sanitario nell’isola, individuandone le criticità e i problemi emergenti.  Condivisa da tutti la decisione di promuovere una serie di "tavoli di lavoro" per andare in profondità sui problemi emersi e cercare insieme possibili soluzioni. L’obbiettivo della Tavola rotonda era quello di far emergere dagli addetti alla Sanità  proprio criticità da risolvere, e mi sembra che tale risultato sia stato raggiunto.

Dal tuo punto di vista quali  sono state le criticità maggiormente  emerse del sistema sanitario locale?
Abbiamo diviso la Sanità per settori di competenza e precisamente: Emergenza Sanitaria (118 e Pronto Soccorso); Presidio Ospedaliero e Sanità Territoriale . In ogni settore non mancano le criticità, è chiaro che partiamo dall’emergenza che tratta la vita o la morte dei cittadini, ma parallelamente lavoreremo su tutti i fronti. Continueremo con tavoli di lavoro tecnici per analizzare le criticità e suggerire possibili soluzioni ; tale lavoro passerà successivamente ai livelli tecnici superiori ed ai livelli  politici .

Come ha risposto l’Amministrazione alla vostra richiesta?
Ha accettato di sviluppare il lavoro futuro in un’ottica di sinergia con tutte le forze sia politiche che tecniche sanitarie presenti sull’isola, e pertanto la riteniamo una ottima risposta, trattandosi di Sanità.  A tal proposito venerdì 22 gennaio abbiamo già iniziato gli incontri tecnici che continueranno poi nelle sedi politiche con il coinvolgimento di tutte le forze politiche.

Avete trovato adesione tra i medici procidani?
Ritengo ottima l’adesione, e questa è la forza dell’iniziativa che vuole evidenziare insieme agli addetti ai lavori le problematiche esistenti ed, insieme a loro, portare  avanti le istanze risolutive alle varie problematiche.

Prospettive future per l’associazione, dopo la sanità quali problemi vi stanno più a cuore?
A cuore ci stanno tutte quelle istanze che ci provengono dalla cittadinanza .Ma ritengo che per altre tematiche sia giusto e corretto sentire gli altri coordinatori di “Cittadinanzattiva”, nelle persone di Elio Altomare e/o Maria Rosaria Lubrano. Ci auguriamo che i cittadini  sperimentino l’utilità del mettersi insieme, affinché le giuste esigenze trovino a livello istituzionale efficienti risposte.




mercoledì 27 gennaio 2016

Restituire ai cittadini la fiducia nella casa Comunale

Il Sindaco Raimondo Ambrosino e  Livia Letizia Segretaria Comunale e nuovo Comandante dei Vigili Urbani
Siamo profondamente addolorati per quanto è accaduto in questi giorni al Comune. L’arresto di tre persone tra cui il Comandante dei Vigili Urbani e oltre 20 indagati ha turbato moltissimo la comunità isolana. Famiglie nel dolore, sconforto, amarezza, delusione,  che stringono l’isola in una morsa di sfiducia.
Siamo profondamente addolorati prima di tutto per le persone coinvolte, per le loro famiglie, alle quali esprimiamo quell’umana solidarietà che sempre va data alle persone nella sofferenza.
I fatti  riportati sulla stampa, le registrazioni delle telefonate e i verbali  oggi di dominio pubblico parlano di omissioni e gravi comportamenti. La giustizia farà il suo corso ed accerterà il grado di colpevolezza o di innocenza.
Si auspica che il Sindaco e l’intera Giunta analizzino l’attuale situazione, onde poter intervenire e assicurare una corretta funzionalità in tutti i settori del Comune di Procida.
La nuova Amministrazione deve poter offrire  ai cittadini tutti, smarriti e afflitti dalle notizie, certezza che quanto avvenuto non possa ripetersi in futuro. Sarà, pertanto, necessario ricostruire quell’armonia di lavoro che oggi si è incrinata, per una ripartenza che veda riaffermati certi principi relazionali e procedurali inerenti alla responsabilità personale di ciascuno.
I cittadini sanno che si prospettano mesi molto impegnativi per la vita politica e amministrativa,  e chiedono  agli Amministratori di operare con coraggio, prudenza e tempestività per riportare tutta la macchina comunale, dopo lo smarrimento di questi giorni, a lavorare con competenza, spirito di servizio e rettitudine morale.


lunedì 25 gennaio 2016

Lo scandalo che ha trovolto il Comune di Procida

Procida: Il Comune
Lo scandalo che ha travolto il Comune di Procida con i tre arresti e molti indagati impone una seria riflessione non solo alla nuova Amministrazione ma all'intera città. 
I giornali, in questi giorni,  sono pieni di immagini negative dell'isola che lasciano trasparire pesanti  ipotesi di scompagginamento, di sovversione e di illegali progetti all'interno della casa comunale a danno dei cittadini tutti
Pertanto ci appare fondamentale e necessario, in tale grave situazione, un convergere di tutte le forze sociali e politiche su quanto è accaduto, per individuarne le cause e predisporre successivamente tutti quegli interventi  necessari per sanare e restituire ai procidani la fiducia negli uffici comunali. 

venerdì 22 gennaio 2016

La scuola rispetti la semplicità dei bambini


Il bambino è aperto al mondo e possiede, nel suo rapporto ingenuo con la vita, la felicità dell'apprendimento. Ogni volta che apprende una cosa in più, gode di questa sua conquista, e lo fa senza essere inquadrato in determinati schemi precostituiti. Ecco perché la scuola, molto spesso,  - e sono cosciente di usare un termine forte - è un crimine. Perché pone alcuni paletti che delimitano dei percorsi all'interno dei quali tu devi stare, e se ne esci sei squalificato...I bambini godono del valore della semplicità.

Ermanno Olmi

da Ermanno Olmi con Marco Manzoni, Il primo sguardo, Bompiani, p. 16.

martedì 19 gennaio 2016

Checco Zalone rifiuta di andare a Sanremo, perché...

Checco Zalone in una scena del fil "Quo Vado"
Abbiamo appreso con grande gioia che Checco Zalone, nel cui ultimo suo film comico “Quo Vado” ha mostrato come lo Stato italiano sprechi i suoi soldi e facendoci intravedere che il valore della tolleranza può essere alla base di ogni civiltà, ha rifiutato di andare a Sanremo e ricevere 350.000 euro per soli 20 minuti di presenza. Quei soldi sono soldi dei cittadini e a lui sembrava proprio un grande spreco di denaro pubblico concedere ad un artista tutti quei milioni. Gli siamo tutti profondamente grati per questo gesto che getta allo scoperto  una grande ingiustizia. 
Sì, è veramente intollerabile che per venti minuti lo Stato  dia ad un artista così tanto, mentre un operaio per vedere quei soldi deve dare più di quindici anni di lavoro. Bisogna gridare a gran voce che questa disumana disparità di trattamento tra i lavoratori tutti è una delle più profonde ingiustizie  di questo tempo.



Di cosa hanno bisogno i nostri figli?

Il matrimonio è come una pianta. Non è come un armadio, che si mette lì, nella stanza, e basta spolverarlo ogni tanto.
Una pianta è viva, va curata ogni giorno: vedere come sta, mettere l’acqua, e così via.
Il matrimonio è una realtà viva: la vita di coppia non va data mai per scontata, in nessuna fase del percorso della famiglia.
Ricordiamoci che il dono più prezioso per i figli non sono le cose, ma l’amore dei genitori.
E non intendo solo l’amore dei genitori verso i figli, ma proprio l’amore dei genitori tra loro, cioè la relazione coniugale.

Papa Francesco

dall'incontro con tutti i dipendenti della santa Sede e i rispettivi familiari 21 dicembre 2015

lunedì 18 gennaio 2016

Urge un impegno forte da parte delle Istituzioni per la Sanità a Procida


 
I relatori alla tavola rotonda sulla Sanità di venerdì 15 gennaio 2015
Venerdì 15 gennaio 2015 si è svolto nella sala Consiliare del Comune un’interessante tavola rotonda sul tema  “la Sanità a Procida” alla presenza di  autorità istituzionali, cittadini e  operatori sanitari sull’isola: medici, infermieri, operatori socio-assistenziali, dirigenti sanitari.
L’evento  è stato promosso da “Cittadinanza attiva” sezione di Procida, l’associazione fondata un anno fa da Aniello Scotto di Santolo, e coordinata da Rosaria Savarese, che ha portato ai presenti il saluto dell’Associazione.
La tavola rotonda ha permesso un confronto serio e circostanziato sulla situazione attuale del Sistema sanitario nell’isola, individuandone le criticità e i problemi emergenti.  Condivisa da tutti la conclusione di Aniello Scotto di Santolo che ha proposto una serie di "tavoli di lavoro" per andare in profondità sui problemi emersi e cercare insieme possibili soluzioni.

I cittadini presenti alla tavola rotonda
Per l’amministrazione era presente il Sindaco Raimondo Ambrosino che si è espresso molto favorevolmente all’iniziativa  dichiarandosi disposto a continuare questo rapporto sinergico con “Cittadinanza attiva”  e le istituzioni sanitarie dell’isola. E' intervenuta anche il Consigliere di minoranza Maria Capodanno, già Assessore alla sanità della Giunta Capezzuto.
Per il Presidio sanitario è intervenuto il Dr. Vincenzo Barbieri, per i Medici di Base il Dr. Enrico Anastasio, per il servizio 118 la Dr.ssa Maria Rosaria Calabrese, per il Distretto il Dr. Enzo Nasca. Ha coordinato i lavori il giornalista Guglielmo Taliercio.

Aniello Scotto di Santolo saluta e ringrazia quanti sono intervenuti all'incontro
Riteniamo l’incontro altamente positivo e ci auguriamo che cresca sempre più il numero dei cittadini capaci di farsi parte attiva per i problemi sanitari che sono sicuramente quelli la cui soluzione sta più a cuore di tutti.

mercoledì 13 gennaio 2016

L'assurda pratica dei compiti per le vacanze

Aggiungi didascalia
Perché i docenti continuano ad affliggere gli studenti e i loro famigliari con l'assurda pratica dei compiti per le vacanze?
Perché non riconoscono il diritto al riposo e allo svago agli studenti?
Perché impediscono alle famiglie di ritrovarsi senza lo stress dei compiti?.
Bambini e ragazzi chiusi in casa impegnati per ore e ore nello svolgimento di compiti che non potranno essere corretti (i docenti non avrebbero tempo per altro), che non determineranno effetti apprezzabili, che non lasceranno segno alcuno (non c'è insegnamento: si tratta di un sapere usa e getta), che aggraveranno la condizione di chi sia già svantaggiato, che penalizzeranno chi viva in un ambiente degradato, che produrranno solo odio per lo studio e per la scuola.
Perché un tale accanimento senza quel minimo di rispetto e sensibilità che qualsiasi adulto, tanto più se educatore, dovrebbe avere?
Maurizio Parodi - Dirigente Scolastico


da Il Venerdì di Repubblica 24 dicembre 2015

lunedì 11 gennaio 2016

Procida:I lavori davanti alla chiesa del porto


Procida: I lavori in Piazza marina Grande
Il martello pneumatico  risuona costantemente, in questi giorni, nella grande piazza di Marina Grande nel mentre frantuma la pista sopraelevata che designava lo spazio urbano pedonale, creato nel centro della piazza, davanti alla chiesa. 
L'operazione si è resa necessaria in quanto il rialzamento della pista aveva creato un corridoio obbligato per le acque che provenivano dal canalone, soprattutto in inverno, quando le piogge sono abbondanti, con conseguenti ripetuti  allagamenti della chiesa della Pietà. 

Procida: La chiesa della Pietà al porto

Un lavoro non previsto dal progetto Waterfront, più volte richiesto dal Parroco e dai cittadini nel passato. 
L'Assessore ai lavori pubblici Rossella Lauro unitamente al Sindaco, recependo le giuste esigenze dei cittadini e ritenendo la risoluzione del problema di pubblica utilità,  sono intervenuti sollecitamente ed hanno predisposto questo intervento che riporterà la piazza ad essere tutta pianeggiante. In tal modo, nelle stagioni delle piogge il deflusso delle acque piovane sarà più naturale e meno invasivo.


domenica 10 gennaio 2016

Comune di Procida: Una comunicazione continua ed efficace

Procida: Il Sindaco Raimondo Ambrosino
La nuova Amministrazione guidata dal Sindaco Raimondo Ambrosino ha messo a punto, grazie all'impegno dell'assessore Rossella Lauro, una efficace comunicazione per dare informazioni esaurienti ai cittadini su tutto il lavoro svolto in questi primi mesi. 
C'è oggi nel Comune di Procida una totale trasparenza  su tutto quanto viene programmato e realizzato. 
Moltissimi i comunicati stampa ufficiali redatti, le interviste agli Assessori e al Sindaco, gli incontri con la stampa locale, le informazioni agli uffici comunali e ai cittadini. E' stato inoltre creato per tutti un portale informatico www.vivereprocida.it. che offre notizie aggiornate e in tempo utile.
Questa trasparenza nella comunicazione rappresenta un primo significativo passo in avanti nella vita democratica del paese, in quanto il cittadino deve conoscere sempre il lavoro svolto al Comune e, come dice il Consigliere Delegato al bilancio Giovanni Villani, ha il diritto di sapere le entrate e le uscite e  le modalità nelle spese, fino all'ultimo centesimo.
Come più volte ha sottolineato il Sindaco,  questa nuova Amministrazione vuole essere a servizio dell'isola, con scelte e decisione che vadano nell'interesse esclusivo del bene comune e senza far piaceri o favoritismi. Fare piaceri e favoritismi è infatti il metodo che determina clientelismo e corruzione,  ed esso va bandito dalla vita politica. E' necessario, pertanto, operare alla luce del sole sempre, di qui la necessità di mettere in atto una continua e tempestiva comunicazione alla stampa e ai cittadini. 

Procida: L'Archivio ritrovato

Antonio Carannante
Un paese senza archivio è un paese senza memoria: secoli di vita distrutti dall'indifferenza e dalla  poca sensibilità culturale, dal poco amore per la storia della nostra gente.
L'Assessore Antonio Carannante  ha oggi comunicato al paese che è stato in parte ritrovato il grande archivio storico nelle mura del vecchio ex-carcere.
Comincia ora il grande lavoro di recupero e di sistemazione per il quale già alcuni cittadini hanno dato la loro disponibilità. Un donatore ha, inoltre, consegnato all'Amministrazione due grandi biblioteche a vetri per accogliere parte di questo materiale.
Occorreranno ancora altri scaffali, altri armadi, perché la mole dei documenti è enorme. 
Dispiace molto sapere parte dell'Archivio è andato perduto, per cui ci saranno periodi di storia dell'isola non documentabili.
Siamo grati all'Assessore Carannante e a quanti si sono prodigati per tale recupero.