lunedì 16 ottobre 2017

I volontari nella Biblioteca Comunale di Procida

L'Assessore Nico Granito e alcuni  dei volontari che stanno offrendo il loro tempo  per rendere sempre più attiva e funzionanate la Biblioteca Comunale di Procida
Una buona squadra di volontari ha lavorato e continuerà a lavorare  nella Biblioteca Comunale  predispondendo orari di apertura dal martedì al  venerdì dalle 16 alle 19 e il sabato dalle 9,30 alle 12,30.

domenica 15 ottobre 2017

Terra Murata, Terra di cultura e libri

Procida: Terra Murata 14 ottobre 2017

Sabato 14 ottobre 2017 un insolito fermento circonda l'Ex Conservatorio delle Orfane. Numerosi cittadini procidani sono saliti su Terra Murata per visitare la Biblioteca Comunale collocata proprio al primo piano del Palazzo. 

Un momento dell'incontro: da sinistra  L'assessore Nico Granito, il Sindaco Raimondo Ambrosino, il Prof. Pasquale Lubrano Lavadera, il Prof. Salvatore di Liello

Per l'occasione  il Sindaco Raimondo Ambrosino e l'Assessore alla Cultura  Nico Granito tratteggiano la storia di questa Biblioteca inaugurata nel 2014 dalla Giunta Antonio Capezzuto e gestita dal Comune nella persona di Michele Sabia per alcuni anni. A loro va il pubblico ringraziamento dell'Assessore Granito. Successivamente per esigenze dell'organico comunale Michele Sabia viene spostato in altro ufficio, per cui gli attuali Amministratori per continuare l'opera iniziata nel passato, bandiscono una pubblica "manifestazione di interesse" per affidare la gestione ad un'Associazione culturale iscritta al Registro Regionale.




















Riceve l'incarico l'Associazione di Promozione Sociale Isola di Graziella.




Procida: La sala Convegni al primo piano del Palazzo sabato 14 ottobre 2017 in occasione della visita dei cittadini alla Biblioteca Comunale




Intanto un gruppo di giovani aveva recuperato dal vecchio carcere una mole di libri dell'antica biblioteca, che si aggiunge a quelli delle passate edizioni del Premio "Procida, Isola di Arturo, Elsa Morante" e si inizia a lavorare per un primo lavoro di cernita e suddivisione.

A Giugno 2017 l'Associazione Isola di Graziella prende in carico i libri presenti e inizi a il lavoro per poredisporre un servizio di consultazione e prestito.
Dopo l'intervento dell'Assessore e del Sindaco prende la parola il Professor Salvatoore di Liello che espone la storia di questo Palazzo e la corente scelta degli Amministratori di collocare in esso la Biblioteca Comunale.
Infine il Prof. Pasquale Lubrano Lavadera dà alcune indicazioni sulle linee guida su cui ci si muoverà, tratte pari pari dal Manifesto universale dell'UNESCO per le biblioteche pubbliche.
Inoltre, poiché per le passate edizioni del premio "Procida, Isola di Arturo, Elsa Morante, la biblioteca aveva dovuto accogliere molte copie di uno stesso libro, l'Amministrazione ha pensato di mettere le copie in eccedenza a disposizione dei cittadini.




Procida: I libri messi a disposizione dei cittadini nella Biblioteca Comunale



La prima visita si è conclusa in un'atmosfera festosa e  ricca di entusiasmo.



Procida: i giovani recuperano nel Palazzo d'Avalos  una mole di libri dell'antica Biblioteca

I libri recuperati  dai giovanivengono condotti nella sede della Biblioteca

Visitatori nella Bibblioteca Comunale il 14 ottobre 2017


sabato 14 ottobre 2017

Procida: un lungo abbraccio tra i cittadini e i libri

Procida: La Biblioteca è in attesa dei cittadini


Sono le 18,15 del 14 ottobre 1917 e nella Biblioteca Pubblica di Procida c'è grande silenzio. 
Tutto è stato preparato per accogliere i cittadini. 
Una gran luce invade i locali e acceca la vista. Tra qualche minuto si apriranno le porte. 
I libri sorrideranno e si lascieranno toccare, sfogliare, prendere tra le mani e lanceranno un segreto invito: prendimi, prendime con te.
Sono gli ultimi attimi di una lunga attesa dopo che per l'intera mattinana i volontari e le volontarie hanno lavorato sodo per rendere quel luogo il più accogliente possibile.

Lincontro tra i cittadini e il libri
Quando alle 18,30 i cittadini irrompono in quello spazio  è come se una pioggia di libri si fosse scaraventata proprio lì, per inzuppare di acqua cristallina la vita di quegli amati visitatori 
La luce che entra a fiotti da due finestre ad angolo retto crea un effetto scintilla di accecamento la sala sembra rivestita d'oro e l'abbraccio tra i cittadini e i libri  è lungo e pieno di una felice complicità. Finalmente!

Si, Finalmente! Da oggi la biblioteca aprirà i suoi battenti dal martedì al sabato dalle 16 alle 19 e il sabato dalle 9,30 alle 12,30. Si potranno colsultare i libri, prenderli in prestito gratuitamente, prenotare qualche libro, lasciare una proposta. Una occasione unica e straordinaria da non perdere.


venerdì 13 ottobre 2017

Dov'è la forza vitale di una biblioteca pubblica?

Procida: La Bibliioteca Comunale a Terra Murata
Molti si domandano dov'è la forza vitale di una biblioteca? Quali le sue funzioni e i suoi compiti?
Alcuni poi pensano che la vita della biblioteca  pubblica sia esclusivamente limitata al prestito e alla consultazione dei libri. Questo perché non si conosce il Manifesto UNESCO sulle Biblioteche Pubbliche", approvato  nel 1972 e aggiornato nel 1994, che ne precisa le finalità, i compiti, il funzionamento e la gestione.

Riportiamo qui di seguito alcuni stralci di esso:

La biblioteca pubblica, come  forza vitale per l’istruzione, la cultura e l’informazione  e come agente indispensabile per promuovere la pace e il benessere spirituale delle menti di uomini e donne, è il centro informativo locale che rende prontamente disponibile per i suoi utenti ogni genere di conoscenza e informazione. 

Via di accesso locale alla conoscenza, essa costituisce una condizione essenziale per l’apprendimento permanente, l’indipendenza nelle decisioni, lo sviluppo culturale dell’individuo e dei gruppi sociali. sulla base dell’uguaglianza di accesso per tutti, senza distinzione di età, razza, sesso, religione, nazionalità, lingua o condizione sociale.

Alcuni tra i compiti di un biblioteca pubblica: creare e rafforzare nei ragazzi l’abitudine alla lettura fin dalla tenera età; sostenere sia l’educazione individuale e l’autoistruzione, sia l’istruzione formale a tutti i livelli; offrire opportunità per lo sviluppo creativo della persona; stimolare l’immaginazione e la creatività di ragazzi e giovani; promuovere l’apprezzamento delle arti, la comprensione delle scoperte e innovazioni scientifiche; dare accesso alle espressioni culturali di tutte le arti rappresentabili; incoraggiare il dialogo interculturale e proteggere la diversità culturale; sostenere la tradizione orale; garantire l’accesso ai cittadini a ogni tipo di informazione di comunità.


Da IL Manifesto UNESCO sulle Biblioteche Pubbliche

giovedì 12 ottobre 2017

La verità sulla Biblioteca Comunale di Procida

Procida La Biblioteca Comunale di Procida
E' nata una polemica da parte della Minoranza sulla realtà della Biblioteca Comunale di Procida e si accusa la Maggioranza di mistificare la realtà in quanto non riconosce il valore di quanto fatto dai precedenti Amministratori.
Ebbene, sento di precisare che il Sindaco, nel suo invito a visitare la Biblioteca Comunale di Procida  (dice "a visitare" e non a "inaugurare"), nella parte interna del depliant, a firma dell'Assessore Nicola Granito  conferma chiaramente che furono i precedenti Amministratori, a costituire la Biblioteva Comunale di Procida nel salone dove l'Orientale aveva collocato la sua dotazione libraria.
Si legge altresì che  proprio per continuare il lavoro iniziato dagli Amministratori di ieri si affidava la gestione all'Asssociazione culturale Isola di Graziella e si promuove la visita del prossimo 14 ottobre 2017.
Mi sembra, pertanto, onesto e chiaro l'intendimento del Sindaco Ambrosino il quale, non solo riconosce che  sono stati i precedenti Amministratori a collocare la biblioteca in un posto degno della nostra storia, ma si è preoccupato anche - e cito proprio le parole esatte contenute nell'invito - di "continuare il lavoro iniziato dagli amministratori di ieri dando nuovo impulso" ad essa.
Un Sindaco che riporta nel suo invito tali parole,  e riconosce pienamente quanto fatto dai precendenti Amministratori e si preoccupa di portare avanti il suo lavoro, può mai essere accusato di mistificazione?
A me sembra proprio che la verita sia lampante  e - mi dispiace dirlo - c'è stato da parte della Minoranza un chiaro equivoco di pregiudiziale interpretazione. Voglio sperare che, questa mia precisazione, possa fugare ogni dubbio.

Per quanto riguarda poi la mia persona, essendo io il Presidente dell'Associazione Isola di Graziella, confermo che ho apprezzato ed apprezzo l'impegno politico dell'attuale maggioranza, ma non per questo, penso, sia stata affidata la gestione della Biblioteca alla mia Asssociazione.
La Maggiuoranza ha promosso una regolare "Manifestazione d'interesse" rivolta a tutte le Asssociazioni di Volontarioto iscritte al Registro Regionale. Se siamo risultati vincitori, è stato perché siamo risultati gli unici con iscrizione all'Albo Regionale a presentare domanda, avendo tra gli scopi specifici - nello statuto approvato nel 2007 - proprio l'impegno e la cura delle Biblioteche.
Forse non tutti sanno che un Ente locale può affidare un servizio pubblico ad un'Associazione di volontariato iscritta nel Registro Regionale,  in quanto è possibile in tal caso sottoscrivere un istituzionale protocollo d'intesa.
Vorrei inoltre rassicurare la Minoranza circa la nostra buona volontà a servire il paese e ogni cittadino indipendentemente dal colore politico. Anzi se qualcuno dell'attuale Minoranza vorrà offrire un personale contributo e venire a lavorare nella Biblioteca con noi, saremo ben contenti.
L'Associazione Isola di Graziella persegue fini di fraternità fra tutti, al di là delle proprie scelte politiche, e lavora affinche cresca sempre più nell'isola quella pace sociale che tutti desideriamo.

Pasquale Lubrano Lavadera


VISITIAMO LA BIBLIOTECA COMUNALE DI PROCIDA

Nicola Granito - Assessore alla Cultura del Comune di Procida

Procida e i libri

Procida ha  avuto nella sua tradizione storica una o più biblioteche. La più importante è situata presso l’Abbazia di San Michele a Terra Murata, che ancora oggi raccoglie un patrimonio prezioso di volumi antichi di pregio e valore.
Certamente dovette influire nella cultura locale il fatto che uno dei più importanti poeti del romanticismo francese, Alphonse de Lamartine scrisse il romanzo Graziella ambientato a Procida.
L’Istituto Nautico, infatti, già dall’ottocento aveva una buona dotazione libraria, fino ad arrivare all’attuale biblioteca completamente ristrutturata e dotata di strumentazioni moderne e di numerosi testi.
Anche il Comune aveva costituito nell’ottocento una biblioteca che è giunta a noi dopo molte peripezie piuttosto malandata.
Dopo la seconda guerra mondiale  venne situata nel plesso delle Elementari a Largo Caduti e affidata alla cura del Prof Sferratore e destò interesse nella popolazione.
Un’altra biblioteca nacque sempre in quegli anni del dopoguerra alla Chiaiolella presso la Parrocchia di San Giuseppe, oggi Santuario, per l’impegno del giovane Parroco Don Michele Ambrosino, che aveva già pubblicato un suo primo libro su San Giuseppe. 
Don Michele Ambrosino aveva già allora un’idea  dinamica della biblioteca,  che non poteva ridursi ad un luogo di raccolta di libri, ma ad uno spazio culturale creativo capace di promuovere interessi, conoscenze, approfondimenti sui grandi temi della vita sociale e spirituale.
Erano gli anni in cui Elsa Morante, con il romanzo L’isola di Arturo  eleggeva Procida a luogo ideale di ispirazione poetica  e artistica.
Accanto alla Biblioteca della Chiaiolella, Don Michele Ambrosino creò nel 1960 il primo “Circolo culturale di lettura” per i giovani e la “Fiera del libro”, in un epoca storica in cui  non esisteva sull’isola una libreria.
Proprio grazie alla “Fiera del libro” i procidani hanno potuto incontrare nomi importanti della letteratura, del giornalismo, ricercatori universitari e artisti.  E  in quella fucina  creativa nata intorno alla piccola biblioteca parrocchiale sono maturate vere e proprie vocazioni letterarie e giornalistiche.
Intanto le vicissitudini politiche  degli anni 60-90, se da una parte davano vita al Premio letterario “Procida, Isola di Arturo, Elsa Morante”, al Collegio dei Traduttori Letterari, al Parco Letterario Elsa Morante,  dall’altra vedevano invece sgretolarsi  la consistenza della biblioteca comunale che non riusciva più ad avere un luogo dove poter raccogliere  i libri di cui il Comune pure si era dotato. Infatti a metà degli anni 90 molti di quei libri furono distribuiti presso le Scuole procidane.
La Scuola Media Statale “A. Capraro” che aveva avuto finalmente dopo un eterno girovagare la sua sede definitiva  nel moderno plesso in via Flavio Gioia creò nei suoi locali un’importante e ampia biblioteca, utilizzata dai docenti e dagli allievi.
Intanto con il Premio letterario, si ritornava a parlare  di letteratura, mentre scrittori importanti giungevano sull’isola e nascevano le prime librerie che hanno dato un grande impulso alla lettura.
L’Amministrazione Comunale intanto  dopo il 2006 concedeva in uso gratuito all’Istituto Orientale di Napoli il primo piano dell’ex-Conservatorio delle Orfane. E fu proprio nel rapporto con l’Istituto Orientale che si convenne di riportare tutti i libri del Comune nel salone dove l’Istituto Orientale aveva collocato anche la sua dotazione libraria.
Certamente gli spazi di cui oggi la Biblioteca Comunale dispone sono limitati e si spera che domani essa potrà trovare una più ampia sistemazione.
Intanto ci sembrava opportuno continuare il lavoro iniziato dagli  amministratori di ieri, dando nuovo impulso alla attuale Biblioteca Comunale, affidandone la gestione all’Associazione di Promozione Sociale “Isola di Graziella”, con la sottoscrizione di un istituzionale protocollo di intesa, nell’auspicio che essa possa diventare, come indica l’Unesco, un luogo ideale per la costruzione della pace sociale nell’intero territorio isolano.
Invitiamo, pertanto, tutti i cittadini a visitare la Biblioteca Comunale di Procidata situata al primo piano dell'Ex Conservatorio delle Orfane, sabato 14 ottobre 2017 alle ore 17,30.

 Nicola Granito
Assessore alla Cultura del Comune di Procida





mercoledì 11 ottobre 2017

UNA MONTAGNA DI LIBRI

Procida: "La montagna di Libri"


Dal mese di giugno 2017 un nutrito gruppo di volontari ha cominciato ad operare nella Biblioteca Comunale di Procida per realizzare una opportuna catalogazione e mettere così a disposizione dei cittadini  la montagna di libri che è giunta a noi fin dall'800. 
Libri di narrativa  italiana e straniera, saggi, enciclopedie  hanno trovato mani e occhi per ritornare a vivere ed essere così disponibili per tutti i cittadini che avranno desiderio di leggere o fare una ricerca. 
La Biblioteca Comunale di Procida si caratterizzerà primariamente  per i libri su Procida, sugli scrittori procidani e sugli scrittori che hanno trovato ispirazione  a Procida per le loro opere. La Biblioteca resterà aperta quattro giorni alla settimana, dal martedì al venerdì. Tutti quei cittadini che vogliono offrire il loro servizio di volontariato possono rivolgersi all'Ufficio Cultura del Comune che li metterà in contatto con l'equipe che ha iniziato già a lavorare.  Sabato 14 ottobre 2017 alle 14,30 tutti i cittadini sono invitati dal Sindaco a visitare i locali dell'Ex Conservatorio delle Orfane e la Biblioteca Comunale.